Pane moddizzosu tipico sardo sul tavolo

Moddizzosu, il pane sardo soffice

Il moddizzosu è un pane sardo soffice e a lunga conservazione, che spesso si confonde col civraxiu. Qui le sue particolarità, l’origine e la ricetta di quello Campidanese, diverso dal moddizzosu di Dorgali (e scoprirai perché). 

Indice

Cos’è il moddizzosu

Il Moddizzosu è un pane tipico del sud Sardegna, realizzato con semola di grano duro e lievitazione naturale, con una sola cottura in forno a legna. Fa parte dei pani sardi morbidi, da mangiare freschi, che sono di solito associati al Campidano e alle zone di pianura o collina. Mentre i pani piatti e spesso biscottati, come il carasau, provengono tradizionalmente dalle aree montuose a vocazione pastorale.

Sull’origine del nome moddizzosu esistono diverse ipotesi. Potrebbe discendere da moddizzi, il lentischio usato per alimentare il forno a legna. Un arbusto profumato, simile al mirto, e molto diffuso nella macchia mediterranea. Legna facile da trovare e che brucia velocemente.

Ma il nome potrebbe anche essere dovuto alla sua morbidezza: infatti moddi, in sardo, significa proprio morbido. L’etimologia potrebbe essere simile a quella di mollica, che deriva da molle. Quindi in fin dei conti, in sardo, dire moddizzosu è un po’ come dire “mollicoso” in italiano.

L’alveolatura di questo pane è molto più fitta di quella del civraxiu e non è elastica, anche se non arriva alla compattezza tipica de su coccoi. Il moddizzosu è decisamente un pane adatto agli amanti della mollica!

Lo si può riconoscere dalla forma tondeggiante e irregolare e dalla crosta spessa, scura e rugosa, attraversata talvolta da profondi solchi. Solitamente si vende in pezzature da un chilo o poco meno e ciò che lo rende unico è il suo essere croccante all’esterno ed incredibilmente soffice e candido all’interno.

Puoi comprare semola rimacinata per il moddizzosu su Amazon.

Oppure su Macrolibrarsi.

Torna all’indice.

moddizzosu-pane-sardegna-bonarcado
Pane moddizzosu di Bonarcado esposto alla mostra sui pani di Sardegna. Foto: Gianni Careddu via Wikimedia

Ingredienti del moddizzosu

Il Moddizzosu è tipico del Campidano e del centro sud Sardegna. Nella Barbagia di Seulo si usa aggiungere patate per rendere l’interno ancora più soffice e mantenerlo morbido a lungo, in particolare nei comuni di Sadali, Seulo, Seui ed Esterzili.

Secondo la tradizione si prepara esclusivamente nel forno a legna e con lievito madre, che gli conferisce una particolare flora microbica. L’utilizzo di tale lievitazione può talvolta creare dei problemi ai fornai, perché la pasta madre – su frammentu – ha bisogno di grande cura per restare efficiente e affidabile. La fatica però è ripagata dal gusto, molto più gradevole e ricco rispetto a quello del pane preparato con il lievito di birra.

Puoi comprare semola rimacinata per il moddizzosu su Amazon.

Oppure su Macrolibrarsi.

Torna all’indice.

Il moddizzosu di patate

In alcune zone della Sardegna, come Monte Acuto, Barbagia e Baronie, si prepara una schiacciata morbida con patate che a volte prende il nome di moddizzosu. Ma è un pane completamente diverso da quello campidanese. 

L’aspetto e la consistenza sono simili a quelli della pita greca. L’uso più immediato è aprirlo in due e farcirlo con salumi e formaggi locali.

Le focacce di patate sarde si chiamano anche cozzulas, coccones o semplicemente pane cun patate e la loro versione più famosa è quella nota come moddizosu di Dorgali.

Puoi comprare semola rimacinata per il moddizzosu su Amazon.

Oppure su Macrolibrarsi.

Torna all’indice.

moddizzosu-lievitazione-panificio
Moddizzosu in lievitazione in un panificio sardo. Gli scolapasta sono un sistema economico e funzionale!

Leggende e storia del moddizzosu

Il moddizzosu ha un alto valore nutritivo, ma non solo. Nell’isola la preparazione del pane è sempre stata legata a funzioni sacre e simboliche, talvolta magiche e terapeutiche. A testimoniarlo sono le preghiere e i riti propiziatori che ne accompagnavano la preparazione, come la croce tracciata sul panetto di lievito o sulla forma di pane poco prima di infornarlo. 

Il moddizzosu è conosciuto per il colore bianco della mollica e per la sua lunga durata, grazie alla quale la panificazione poteva avvenire meno di una volta a settimana, anche ogni 10-15 giorni.

Non si sfornava esclusivamente per il consumo familiare. In città donne (is panetteras) e bambini lo vendevano anche per strada. Quello che vendevano i forni invece, non era quasi mai il pane tradizionale, ma il pane “continentale”, i panini e le michette che si producevano nel resto dell’Italia.

Per preparare il moddizzosu, tradizionalmente le donne si alzavano all’alba della domenica e iniziavano a preparare le sciveddas, i contenitori adibiti alla farina e alla semola. Vi si aggiungeva pian piano l’acqua salata e l’impasto preparato la sera prima, la biga ormai lievitata. L’impasto veniva così lavorato a mano, fino all’ottenimento di un composto asciutto e molto morbido.

Torna all’indice.

 

moddizzosu-tavolo-legno-coltello
Una forma di moddizzosu larga e schiacciata.

Ricetta del Moddizzosu

Se stai pensando di preparare il pane moddizzosu a casa, puoi usare questa ricetta tipica del Campidano. L’ideale sarebbe avere il forno a legna, ma andrà bene anche il forno di casa, meglio se con una pietra refrattaria.

Ingredienti per un moddizzosu:

• Semola di grano duro: 500 g
• Farina di grano duro o fiore sardo: 300 + 200 g per la biga
• Lievito madre rinfrescato qualche ora prima: 60 g
• Acqua: 400 ml + 100 ml per la biga
• Sale: 30g 

Preparazione:

La lavorazione inizia la sera prima, con la preparazione della biga.

Nel pomeriggio rinfresca la pasta madre: ne serviranno 60 grammi. Poi lascia lievitare.

Quando è pronto impastalo con 200 grammi di farina di grano duro e 100 ml d’acqua. Lascia l’impasto al caldo.

La mattina successiva prendi la biga lievitata e il resto delle farine. Impastali insieme aggiungendo gradualmente l’acqua e infine il sale.

Continua ad impastare fino ad ottenere un composto asciutto, che andrà lavorato sulla spianatoia, finché sarà incordato.

L’impasto andrà poi deposto nella scivedda sarda o in un altro grande contenitore coperto con un panno umido.

A questo punto, lascia lievitare per almeno 2 ore. Durante la lievitazione il pane deve restare ben coperto.

Ora puoi formare la pagnotta e infarinarla. Poi riponila in un contenitore rivestito con un panno di cotone, in modo che il pane non si attacchi.

Lascia lievitare per una seconda volta. Nel frattempo preriscalda il forno a 250 gradi.

La cottura durerà 45-60 minuti.

Se hai la fortuna di avere un forno a legna puoi scaldarlo con del legno di lentischio o di cisto e moltiplicare le dosi per ottenere molti più pani, che potrai eventualmente congelare. 

In questo caso la cottura potrebbe richiedere 30-40 minuti. Ma è sempre meglio controllare.

 

Questo articolo contiene link a prodotti venduti su Amazon e Macrolibrarsi. Se acquisti attraverso questi link noi guadagniamo una piccola percentuale che ci permette di continuare a offrire contenuti gratuiti.

Torna all’indice.

Condividi L'articolo:

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Articoli simili

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on pinterest

This project has received funding from the European Union's Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 743354